Scelta Lingua
• 
English
Map
• 
Home
•• 
Komino
••• 
Ville
Aeroclub Como
Golf Villa D'Este
KOMINO : Ville

LE VILLE DEL LAGO DI COMO

Il Lago di Como e la Brianza furono apprezzati fin dall'antichità per la mitezza del clima e l'amenità del paesaggio, divenendo luoghi d'elezione di nobili facoltosi e personaggi dell'élite sociale e culturale. Dopo la lunga parentesi medioevale toccò al Rinascimento riscoprire sul Lario la lezione dell'antichità classica di una villa di delizia che con l'umanista comense Paolo Giovio si trasformò in "Museo" -così chiamò la sua villa di Borgo Vico a Como, dedicandola alle Muse. Alla fine del 1500 risalgono le ville più antiche del Lario: Villa Pliniana a Torno e Palazzo Gallio a Gravedona, e poi la Gallia nel Borgo Vico a Como, tutte sontuosamente concepite e decorate con affreschi e opere d'arte, nonché la Balbianello a Lenno e la Monastero di Varenna.

La nobiltà terriera lombarda e milanese in particolare è artefice della grande fioritura di sontuose dimore sul Lario durante il periodo Neoclassico, a cavallo fra '700 e '800. Essa è affiancata dai più valenti architetti dell'epoca quali Cantoni, Pollack, Soave, Tazzini e Canonica. L'episodio più alto del Neoclassico è Villa Olmo, ispirata alle sontuose residenze romane, ma su tutta la riva occidentale della città lacustre è un susseguirsi di capolavori: a Bellagio, fra le altre sorge la Villa Melzi, progettata dal grande architetto Albertolli e a Cernobbio la celeberrima Villa D'Este, che oggi è resort alberghiero fra i più famosi nel mondo. Sulle pendici collinari della Brianza è tutto un fiorire di dimore estive neoclassiche: ad Anzano del Parco, a Casnate, a Fino Mornasco; ad Alzate Brianza si trova la dimora del comense Papa Odescalchi, oggi adibita ad albergo.

Dalla seconda metà dell'800 stile degli edifici si trasforma con il gusto dei proprietari - la nuova borghesia industriale - che le vogliono di gusto Eclettico, come nel pregevolissimi nuclei residenziali di Brunate e Lanzo d'Intelvi, oppure secondo il revival degli stili storici, come nella neo-medievale Villa La Gaeta di Acquaseria. Sono dei primi del Novecento le dimore Liberty come la Villa Bernasconi a Cernobbio, e degli anni Trenta le ville del Razionalismo comasco di Terragni. Oggi queste dimore sono state trasformate in musei, centri culturali e congressuali e sono visitabili con i loro tesori di arte e cultura. Talora sono divenuti grandi alberghi o sono state vendute a personaggi del mondo dello spettacolo -basti citare le Ville Versace a Moltrasio e di George Clooney a Laglio. Sempre continuano ad esercitare il loro fascino su quanti, turisti e visitatori, hanno la fortuna di visitare il lago di Como, in una sorta di filo conduttore che non si è mai esaurito nel tempo.


Sistema Lago di Como | AILAB | Disclaimer