Notice: Undefined index: lan in /home/sistemal/public_html/data/begin.php on line 18

Notice: Use of undefined constant cLanguage - assumed 'cLanguage' in /home/sistemal/public_html/data/begin.php on line 27

Notice: Undefined variable: res in /home/sistemal/public_html/wbe/data/wbe_functions.php on line 263

Notice: Use of undefined constant cKeys - assumed 'cKeys' in /home/sistemal/public_html/data/begin.php on line 36

Notice: Use of undefined constant cDescr - assumed 'cDescr' in /home/sistemal/public_html/data/begin.php on line 37
Territorio - Sistema Lago di Como
Notice: Use of undefined constant section - assumed 'section' in /home/sistemal/public_html/territorio.php on line 16
Scelta Lingua
• 
English
Map
• 
Home
•• 
Komino
••• 
Territorio
Aeroclub Como
Golf Villa D'Este
16/23
KOMINO :
Notice: Undefined offset: 33 in /home/sistemal/public_html/komino/territorio/it16.htm on line 5
indietro torna a Territorio avanti

PREISTORIA ARTE FOLKLORE

Frequenti sono i reperti preistorici degli antichi abitatori delle vallate Lariane: pregevoli in Valle d’Intelvi quelli a Caslè di Lanzo, il Giaciglio Mesolitico a Orimento, le Tombe Romane di Lem a Pellio Intelvi e i Massi Cuppelliformi a Cerano. La cultura religiosa e l’arte degli antichi Maestri Cumacini, Intelvesi, Campionesi e delle dinastie di Artisti della Valsolda e della Val Cavargna sono attestate dalle innumerevoli chiese, plebane, oratori, edicole sacre e affreschi devozionali disseminati nei borghi antichi delle vallate così come nelle raccolte di Arte Sacra e Corredi Liturgici del Museo della Valle d’Intelvi e nelle Sacrestie annesse alle maggiori Chiese e Santuari.

Nella Valle d’Intelvi, vero scrigno di arte millenaria, si sono straordinariamente conservate, nei borghi di provenienza, talune abitazioni delle antiche dinastie di artisti e maestri edili, i cosiddetti Maestri Intelvesi, che dai villaggi natali partirono per costruire l’arte di mezz’Europa durante lunghi secoli: le Case Spazzi, Carloni e De Allio a Scaria di Lanzo Intelvi; le Case Quaglio, Scotti e Frisoni a Laino Intelvi. Il Carnevale di Schignano, sempre in Valle d’Intelvi, con le preziose maschere di legno scolpito e il complesso rituale che coinvolge l’intero Borgo, è tra i più importanti dell’arco Alpino oltrechè fra i più arcaici e studiati riti carnascialeschi sopravvissuti in Europa.

Porlezza, sita sul versante italiano del lago di Lugano, o Ceresio, è la più “svizzera” fra le località della provincia lariana; dista soli 15 km su strada da Lugano, cui è collegata anche da regolari battelli che solcano un lago per metà italiano e per metà svizzero. Ottimi i camping e le infrastrutture sportive: Golf a Grandola e Uniti, Windsurf, Vela e Sci Nautico. Non perdetevi l’incanto del laghetto di Piano, oasi naturale in via di valorizzazione con percorsi guidati e birdwatching. Assai suggestivo il panorama dal “miracoloso” Santuario di Nostra Signora della Caravina e remunerative le escursioni sul Sentiero delle Quattro Valli, che collega Valmenaggio, Valsolda, Val Rezzo e Val Cavargna, oppure la salita al Passo di San Lucio, storica via di collegamento fra la Val Cavargna e la svizzera Val Colla, ove sorge un antichissimo e ora restaurato Oratorio dedicato a San Lucio, il mitico casaro eremita della Val Cavargna.

Le Valli Rezzo e Cavargna, dagli aspri profili e dai magici richiami, grazie a una natura incontaminata e quasi selvatica, offrono interessanti squarci sul folklore e sulla dura vita dei loro abitanti nei secoli passati: a San Nazzaro è ben documentata l’antica attività estrattiva del ferro nella miniera di Bubegno e quella fusoria nei Forni Vecchi - in Val Rezzo sopravvivono nel bosco di Buggiolo i due montanti del maglio del Forno di fusione cinquecentesco - Una suggestiva Valle dei Mulini si trova a San Bartolomeo, con l’antico ponte in pietra a schiena d’asino sull’impetuoso torrente Cuccio, fra i primi corsi d’acqua a sfruttamento idroelettrico della provincia. A Cavargna, nel Museo Etnografico, allestimenti organici degli antichi mestieri locali (“Magnano” cioè stagnaro, Carbonaio, Fabbro, Boscaiolo, Contrabbandiere) e delle tecniche domestiche di tessitura e panificazione, ci riconsegnano i rituali della vita contadina insieme ai miti e alla religiosità popolare dell’antica valle.

La sponda italiana del Lago di Lugano verso la Valsolda, appena prima del confine svizzero, ripropone le romantiche atmosfere del “Piccolo Mondo Antico” di Antonio Fogazzaro, autore che alla fine dell’ottocento ambientò sul Ceresio i propri romanzi. Di lui, a Oria Valsolda, sussiste la Villa Fogazzaro, ove il letterato soleva trascorrere la villeggiatura, con il bel giardinetto pensile e l’antica limonaia e, disseminate nel borgo, le indelebili memorie dell’Autore.


Sistema Lago di Como | AILAB | Disclaimer