Scelta Lingua
• 
English
Map
• 
Home
•• 
Komino
••• 
Chiese
Aeroclub Como
Golf Villa D'Este
KOMINO : Chiese
indietro torna a Chiese avanti

SACRO MONTE DI OSSUCCIO

Dodicesima Cappella - Ascensione di Gesù al Cielo

Andrea Cetti si sobbarcò le spese della costruzione anche di questa cappella, come già della IX e X , e il suo stemma con l’aquila e il leone che brandisce l’accetta compare anche qui sul fronte dell’edificio, che fu completato entro il 1664. In facciata è innestato un portico a tre lati, interamente esteso al viale e sorretto da due leggere colonne in granito con capitelli toscani, sostenute da due eleganti piedistalli. Nell’interno a pianta ottagona di m. 8x7, la luce che penetra dalle 3 grandi finestre superiori sorprende il momento in cui tredici angeli, i dodici Apostoli e Maria con due pie donne, presenziano all’ascensione di Gesù contornato da un’aureola dorata di gloria.
Il tema d’insieme e il modellato plastico degli angeli verrà ripreso successivamente dal Silva con effetto ancor più maestoso  nella decorazione a stucco della cappella del Crocefisso, nel Duomo di Como. Gli affreschi vennero commissionati qui a Giovan Paolo Recchi, che aveva a quel tempo già eseguito lavori importanti per i Savoia di Piemonte, fra cui la decorazione, insieme al nipote Gian Antonio, del Palazzo Reale di Torino, della Venaria e del Castello del Valentino a Torino. Sobria e raffinata è la decorazione delle pareti con motivi architettonici e delicati toni pastello; Nel cielo della cupola che si apre per accogliere Gesù, il Recchi adotta una composizione concentrica delle figure, secondo una soluzione già proposta dai Nuvolose a Orta e dal Correggio a Parma.

Tredicesima Cappella  - Discesa dello Spirito Santo

Preceduta da un arco sporgente che forma una nicchia ha pianta ottagonale dim.8x7 e sorge su uno spiazzo circolare del viale.

Molto importante è la composizione d’insieme con le 32 statue di Agostino Silva ambientate magistralmente nelle  architettura a nicchie dell’interno,  decorata con sfondi prospettici e motivi architettonici di gusto rinascimentale. Grappoli di Putti  e Angeli musicanti, còlti in una strabiliante varietà di pose plastiche si librano in alto, nel livello ultraterreno dell’evento, ove i cieli dipinti nella cupola si aprono per la discesa dello Spirito Santo in forma di colomba dorata. In basso, sovrastati dalle fiammelle del Paraclito vibranti sopra i loro capi, i protagonisti umani: Maria, con le Pie Donne e gli Apostoli ricevono lo spirito e si dispongono a vivere il proprio tempo storico.

Quattordicesima cappella – Assunzione di Maria al Cielo

Il Comune di Sala fu il donatore di questa cappella ottagonale con piccolo tiburio a cupola, conclusa nel 1665; Il portale, le finestre, i timpani spezzati, la soglia, gli architravi e i fregi in granito impreziosiscono questo elegante tempietto. L’Ascensione al Cielo della Vergine era un caposaldo teologico della Controriforma, che ribadì fortemente il culto di Maria - anche come figura della Chiesa-   per esempio con la diffusione sistematica della pratica del Santo Rosario. Da un’iscrizione si deduce che un tal F. Silva,  probabile aiutante nonché omonimo, della bottega dei Silva, realizzò le 22 statue della cappella dell’Assunta: anche qui il tema è sviluppato su due livelli : quello della dimensione trascendente, risolto in alto nella corona di angeli che scortano la Vergine verso il cielo; quello terreno con gli apostoli, sulla terra, stupiti intorno all’avello scoperchiato di Maria. L’affresco sulla cupola con l’Eterno Padre che accoglie la Madonna è di mano diversa dai consueti e di autore ignoto.

Pagine    ( 1 2 3 4 5 6 7 8 9 )


Sistema Lago di Como | AILAB | Disclaimer